X


Roberto Saviano: “Falcone e Borsellino sapevano di morire”

Scritto da , il maggio 23, 2017 , in Personaggi Tv
Foto Roberto Saviano

Falcone e Borsellino: il ricordo di Roberto Saviano

Oggi ricorre il 25° anniversario della strage di Capaci in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro: era il 23 maggio 1992. Dopo 57 giorni esatti, il 19 luglio, nella strage di Via D’Amelio, morirono Paolo Borsellino, amico e collega di Giovanni Falcone, e i 5 agenti della scorta. Raiuno, per commemorare i due magistrati uccisi dalla mafia, stasera manderà in onda un evento intitolato Falcone e Borsellino condotto da Fabio Fazio, Roberto Saviano e Pif. Un’orazione civile lontana dalla retorica come ha sottolineato Fazio. Lo scrittore Roberto Saviano, autore del best seller Gomorra che vive sotto scorta dal 2006 dopo le minacce ricevute dalla Camorra, ha voluto ricordare Falcone e Borsellino al Salone del Libro di Torino:

“Falcone e Borsellino sapevano di morire ma sapevano che non potevano fare marcia indietro. Se si fossero sottratti alla morte, il loro impegno sarebbe stato vano”.

Roberto Saviano su Falcone e Borsellino: “Il loro ricordo non è svanito”

La vita di Falcone e Borsellino era caratterizzata dalla solitudine, dal sospetto e dal disprezzo di molti, dice Roberto Saviano. Lo scrittore campano sa bene di cosa parla perché ogni giorno è costretto a difendersi da attacchi feroci e gratuiti ma è convinto che il potere della parola e della scrittura permetterà di cambiare le cose un giorno. Cosa Nostra sperava che il ricordo di Falcone e Borsellino svanisse in poco tempo ma così non è stato, i due magistrati sono diventati due eroi e un esempio da seguire per tanti giovani. Il loro sacrificio non è stato vano. Ancora oggi, a distanza di 25 anni dalla loro morte, il loro ricordo è vivo. Come ripeteva spesso Giovanni Falcone: “Gli uomini passano, le idee restano e continuano a camminare sulle gambe di altri uomini”. E stasera Raiuno renderà omaggio a questi due grandi uomini con Falcone e Borsellino con Fazio, Saviano e Pif .

About Isabella Adduci

Nata a Cassano allo Ionio (Cosenza) nel 1978, si è laureata in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Bari ed ha conseguito l'abilitazione all'esercizio della professione forense presso la Corte d'Appello di Catanzaro. Da sempre appassionata di televisione, cinema e spettacolo, ama scrivere e leggere libri di ogni genere, quotidiani, magazines. Il suo sogno è quello di diventare un apprezzato critico televisivo... sognare non costa nulla!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *