X


Rosy Abate anticipazioni, Antonio Costello: “Non pugnalo gli amici”

Scritto da , il 27 Settembre, 2019 , in Serie & Film Tv
foto Davide Devenuto, Rosy Abate

Anticipazioni Rosy Abate 2, parla Davide Devenuto (il boss Costello): “Non pugnalo alle spalle gli amici”

Ha rotto il silenzio con un’intervista pubblicata sulle pagine del numero di TeleSette uscito in edicola qualche giorno fa Davide Devenuto, attore di Un posto al sole, attualmente nel cast della fiction Rosy Abate 2, con Giulia Michelini, in onda su Canale 5. E nell’intervista in questione il compagno di Serena Rossi ha parlato molto anche della sua vita privata, definendosi una persona tranquilla e non invadente, spiegando:

Non sono il tipo da smancerie, messaggini o telefonate continue, ma per gli amici nei momenti di bisogno ci sono sempre e, soprattutto, non li pugnalo alle spalle: di questo sono profondamente orgoglioso.

Rosy Abate 2, Davide Devenuto è il boss Antonio Costello: “Nella vita reale sono un tontolone!”

Sul personaggio di Antonio Costello in Rosy Abate 2-La serie, Davide Devenuto nell’intervista in questione ha invece dichiarato:

E’ uno spietato boss della Camorra, che viene considerato da Leonardo, il figlio di Rosy, il padre che non ha mai avuto. Io, però, nella vita vera sono un tontolone.

L’attore, sempre su Rosy Abate 2 (QUI la trama di stasera), ha poi aggiunto: “Costello è un cattivo che si allontana dai soliti cliché: ha una sua umanità, un’anima tormentata e complessa che, puntata dopo puntata, crea addirittura empatia con il pubblico”. “In Rosy Abate il bene e il male si confondono in continuazione” ha infine asserito.

Un posto al sole e Rosy Abate, Davide Devenuto parla di Serena Rossi: “Con lei sono felice”

E prima della fine dell’intervista Davide Devenuto non poteva non parlare di Serena Rossi, conosciuta sul set di Un posto al sole, alla quale è legato sentimentalmente da oltre dieci anni. “Con lei sto bene, sono felice” ha ammesso, mentre sul figlio Diego ha chiarito: “Non vorrei diventasse un altro ‘me’… deve essere libero di intraprendere la sua strada crescendo”.