X


L’Eredità, Flavio Insinna: “Gli autori mi hanno detto: non puoi…”

Scritto da , il 15 Aprile, 2020 , in Programmi Tv
foto Flavio Insinna 22 marzo

Flavio Insinna svela nell’anteprima de L’Eredità: “Gli autori mi hanno detto: non puoi…”

Anche oggi, mercoledì 15 aprile 2020, come tutte le sere, Flavio Insinna ha introdotto la puntata in replica de L’Eredità con un divertente videomessaggio registrato tra le mura domestiche, che Rai1 ha trasmesso, come da tradizione, subito dopo la fine de La vita in diretta, in attesa di cedere la linea al blocco pubblicitario dopo il quale parte, tutti i giorni, la puntata vera e propria del quiz. E nel videomessaggio di oggi Flavio Insinna si è mostrato intento a fare ‘sollevamento pesi’ in una maniera alquanto inedita, ossia sollevando delle semplici bottiglie (vuote!), svelando:

Gli autori de L’Eredità mi hanno detto: “Flavio, non puoi stare tutti i giorni lì soltanto a studiare, devi anche tenerti in forma”.

Repliche L’Eredità, Flavio Insinna nell’anteprima di oggi: “Gli autori non hanno specificato…”

Sempre nel corso del videomessaggio in questione, Flavio Insinna nell’anteprima della puntata di oggi de L’Eredità ha poi fatto notare ai telespettatori di Rai1 che le bottiglie usate come ‘pesi’ erano, come abbiamo già accennato nel primo paragrafo, vuote! Dunque ha ironizzato affermando:

Si lo so, le bottiglie sono vuote, ma gli autori non hanno mica specificato se dovevano essere piene perciò, nel dubbio, ho preferito un inizio morbido, soft, facendo della ginnastica dolce, senza strafare.

“E adesso che abbiamo allenato il fisico, possiamo allenare anche la mente. Come? Con una bella puntata de L’Eredità ovviamente!” ha precisato subito dopo.

Flavio Insinna fa una promessa prima della puntata de L’Eredità di oggi: “Domani le appesantisco”

Infine, prima di cedere la linea alla pubblicità, in attesa dell’inizio della puntata di stasera de L’Eredità, Flavio Insinna (che ieri ha rivelato di essere rimasto senza parole a causa di una mail ricevuta) ha promesso scherzosamente: “Va bene, domani appesantirò le bottiglie”.