X


Rita Dalla Chiesa, saggi in ritardo a Italia Si: “Troppe macchine”

Scritto da , il 11 Aprile, 2020 , in Personaggi Tv
foto Rita Dalla Chiesa 4 aprile

Italia Si, i saggi arrivano in ritardo. Rita Dalla Chiesa: “Troppe macchine in giro”

Poche ore fa Marco Liorni, nel presentare i saggi della sua trasmissione Italia Si (Rita Dalla Chiesa, Elena Santarelli e Manuel Bortuzzo), si è rivolto con stupore ai tre per via del ritardo con cui si sono presentati in studio. A far discutere però è la motivazione di tale ritardo, che Marco chiede prima di tutti a Rita Dalla Chiesa. La giornalista e conduttrice televisiva risponde tutto d’un fiato, ma la sua voce è appena distinguibile al di là del teleschermo, perché, ancora visibilmente nervosa per l’accaduto, ha dimenticato di portare alla bocca il microfono. Quando glielo fanno notare, finalmente riusciamo a distinguere chiaramente le sue parole:

Scusate! C’è tanto, tanto traffico, come tutti gli altri giorni. Veramente parecchio.

Poi Liorni passa la parola agli altri due saggi e, infine, giustifica l’accaduto con l’argomento dei tanti controlli da parte delle forze dell’ordine, i quali contribuirebbero a rallentare il traffico.

Italia Si, Rita Dalla Chiesa all’epidemiologo: “Il mare aiuta a non ammalarsi di coronavirus?”

Rita Dalla Chiesa, ospite tra i saggi a Italia Si, già scossa dal traffico trovato in strada poi interroga l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco riguardo agli eventuali effetti preventivi del mare sul contagio dal coronavirus. Il medico risponde:

In termini diretti non esiste un motivo che possa diminuire le occasioni di contagio. Il virus si trasmette da una persona all’altra. Questo può avvenire anche al mare.

Rita giustifica la domanda adducendo il dato della disparità di contagi tra Nord e Sud Italia.

Rita Dalla Chiesa a Itala Si: “Se ci viene chiesto di stare a casa, perché non viene fatto?”

Già nei giorni scorsi Rita Dalla Chiesa si era detta preoccupata da alcune implicazioni del coronavirus. Oggi, a Italia Si, rivolge un’ulteriore domanda ai telespettatori:

Non riesco a capire: se ci viene detto di stare a casa, perché non viene fatto?

In alcune città infatti, come ad esempio Milano, i contagi continuano a salire.