X


Federico Quaranta raddoppia: “Ecco come sarà la mia Linea Verde”

Scritto da , il 4 Luglio, 2020 , in Programmi Tv
foto Federico Quaranta 29 maggio

Linea Verde, da oggi due nuove versioni con Federico Quaranta alla conduzione: “Ecco come saranno”

Partiranno oggi, 4 luglio 2020, le due nuove edizioni di Linea Verde del sabato, con Federico Quaranta conduttore: trattasi di Linea Verde Tour, in onda alle 11.55 e Linea Verde Radici, in onda alle 12.25. Due edizioni nuove di zecca, dunque, dello storico programma di Rai1 in onda, nella sua versione classica, la domenica. E proprio dei due nuovi spin-off di Linea Verde Federico Quaranta ha parlato di recente, com alcune dichiarazioni riportate in un servizio pubblicato sulle pagine dell’ultimo numero del settimanale DiPiùTV.

Federico Quaranta alla conduzione di Linea Verde Tour: “Ci saranno Giulia Capocchi e il cuoco Peppone”

In Linea Verde Tour Federico Quaranta alla conduzione sarà affiancato da Giulia Capocchi, già conduttrice di Linea Bianca, nei mesi invernali, in coppia con Massimiliano Ossini, e il cuoco Peppone Calabrese, da anni volto fisso di Linea Verde, reduce dall’edizione invernale della domenica che ha condotto con Beppe Convertini e Ingrid Muccitelli.

Con Linea Verde Tour racconterò le bellezze di due regioni italiane molto diverse tra loro: il Trentino Alto Adige e la Basilicata

ha spiegato a tal proposito Federico.

Federico Quaranta conduce Linea Verde Radici: “Andrò alla scoperta dei tesori del mondo rurale”

Sulla conduzione di Linea Verde Radici Federico Quaranta ha dichiarato invece:

Sarò da solo e andrò alla scoperta dei tesori del mondo rurale, raccontando anche storie di persone che hanno scelto di vivere in campagna.

“Entrambi i programmi sono realizzati in collaborazione con Decanter, la trasmissione che conduco su Radio2 da diciotto anni, dove parlo di enogastronomia” ha rivelato inoltre, aggiungendo infine: “Ad agosto farò un altro programma, dal titolo ‘E la chiamano estate’, in onda su Rai2. Visiterò le più note località turistiche italiane”.