X


Pierluigi Diaco sfiora il pianto a Io e Te: “Non vi permettete”

Scritto da , il 24 Luglio, 2020 , in Personaggi Tv
foto di Pierluigi Diaco commosso

Io e Te, Pierluigi Diaco sfiora il pianto: “Non vi permettete”

Una puntata emotivamente molto forte quella di oggi, venerdì 24 luglio, di Io e Te. Pierluigi Diaco, che qualche settimana fa aveva ospitato Dodi Battaglia, ha voluto avere con sé un altro componente dei Pooh: Red Canzian. Insieme a quello che ha definito uno dei più grandi musicisti italiani, e a tutto il pubblico di Raiuno, il conduttore ha ascoltato una vecchia registrazione audio di Mia Martini. La cantante esprimeva tutto il proprio dolore e la solitudine di essere rimasta da sola, di aver visto allontanarsi tutti gli amici che aveva prima del successo. A questo punto, Pierluigi Diaco ha chiesto un primo piano e, sfiorando il pianto, ha fatto un appello:

Non vi permettete mai di dire a qualcuno quello che è stato detto a Mia Martini. E’ un’infamia incredibile. Se sentite qualcosa del genere, incazzatevi e riflettete.

Red Canzian prende le difese di Pierluigi Diaco: “La tua è una televisione per bene”

Col suo modo di fare televisione, Pierluigi Diaco, nell’ultimo periodo, ha attirato a sé le antipatie di molti. Motivo di accusa sono diventati i suoi tempi lenti, la schiettezza di alcune sue posizioni, l’atteggiamento nei confronti dello staff di Io e Te e di alcuni ospiti. Ospite della puntata di oggi, però, Red Canzian, storico membro dei Pooh, ha voluto offrire al conduttore il proprio sostegno, dichiarando di aver accettato molto volentieri l’invito in trasmissione per questo motivo:

la tua televisione è una televisione per bene, come sei tu.

Io e Te, Pierluigi Diaco e i dubbi sul futuro in tv: “Se avrò un nuovo spazio…”

Di recente Pierluigi Diaco aveva fatto una rivelazione su Maria De Filippi. Nella puntata di oggi di Io e Te, invece, il conduttore ha ammesso alcuni dubbi legati al proprio futuro in televisione. Conversando con Red Canzian ha detto:

Se avrò un nuovo spazio, qui finisco il 4 settembre e non so dove sarò destinato, mi farà piacere ospitarti di nuovo.