X


Rita Dalla Chiesa difesa da Maurizio Costanzo: “Era una provocazione”

Scritto da , il 4 Luglio, 2020 , in Personaggi Tv
foto di Rita Dalla Chiesa

Rita Dalla Chiesa, frase sui cinesi. Maurizio Costanzo: “Era una provocazione”

Era una battuta, quella di Rita Dalla Chiesa sui cinesi e sul richiederne l’estinzione? Per Maurizio Costanzo è chiaro: “Era una provocazione. Non si augura di certo la morte di milioni di persone”. Si sa che l’ex conduttrice di Forum e una dei quattro Saggi di Italia Sì (e Italia Sì – Giorno per giorno) è una grande amante dei cani, ne difende i diritti, e si batte contro tutte le bestialità di cui è capace l’essere umano. La sua esternazione era riferita al Festival di Yulin, in Cina, dove si macellano ei si mangiano i cani.

Maurizio Costanzo difende Rita Dalla Chiesa: “Intendeva dire che non c’è bisogno di chi macella animali domestici”

Rita Dalla Chiesa se n’è uscita con una frase molto forte sui cinesi che ha indignato il web e i telespettatori. Una spettatrice ha scritto a Maurizio Costanzo a riguardo sul settimanale Nuovo Tv: “Sono rimasta allibita dalla dichiarazione fatta da Rita. L’ho sempre stimata, ma mi sembra una terribile esternazione. Mi pare di gran lunga più crudere augurarsi l’eliminazione di milioni di persone rispetto al mangiare animali domestici”. Costanzo l’ha difesa dicendo che era solo una provocazione: “Intendeva dire che il mondo non ha bisogno di chi ancora macella gli animali domestici”.

Rita Dalla Chiesa, Maurizio Costanzo dice la sua: “Alzi la mano chi non è mai caduto in un errore”

E’ stata un’annata molto difficile, ma Rita Dalla Chiesa e gli altri saggi di Italia Sì sono riusciti a tenere compagnia ai telespettatori, grazie alla presenza benevola e professionale di Marco Liorni, prima dell’arrivo dei programmi estivi di Rai1. Maurizio Costanzo ci ha tenuto a difendere la conduttrice dagli attacchi che molti le hanno rivolto per via delle frasi sui cinesi: “Alzi la mano chi non è mai caduto in questo errore. Tutti noi, quando siamo sconvolti, ci lasciamo andare a forti esternazioni”.