Maurizio Costanzo rompe il silenzio: basta critiche a Domenica In

By on ottobre 17, 2015
Foto Parte il Maurizio Costanzo Show

Maurizio Costanzo a Tv Talk: stop alle critiche a Domenica In

Non ci sono più le domeniche di una volta, ormai. E se non il pubblico almeno i critici televisivi speravano di poter restare a casa l’ultimo giorno della settimana a visionare una Domenica In competitiva, moderna e in grado di battere una volta per tutte l’armata di Canale 5 rappresentata da Domenica Live di Barbara d’Urso. La prima puntata della “nuova” Domenica In firmata dal capo progetto Maurizio Costanzo è stata un flop nonostante una discreta alchimia tra Paola Perego e Salvo Sottile e sui social gli apprezzamenti non sono stati affatto numerosi. Era quantomeno prevedibile che la mente dietro il progetto domenicale rompesse il silenzio e rispondesse alle critiche rivolte a Domenica In (le anticipazioni della puntata di domenica 18 ottobre). Maurizio Costanzo, ai microfoni di Tv Talk, ha risposto a coloro che hanno polemizzato per l’intervista esclusiva che Raffaele Sollecito ha rilasciato domenica scorsa (intervista rilasciata anche a Otto e mezzo e a Open Space) dandogli del Pietro Ammicca alla concorrenza: “Barbara d’Urso non ha un’esclusiva sui personaggi che deve intervistare. Il servizio pubblico non è scritto da nessuna parte che non debba avere come ospite un uomo che è stato assolto due volte e che ha scritto un libro. Non abbiamo mica portato un assassino con il coltello sporco di sangue. E’ antico questo gioco di mettere a confronto programmi di reti diverse”.

Domenica In: Maurizio Costanzo stufo delle critiche. Le dichiarazioni

Sui conduttori della sua Domenica In – la quale aveva donato una flebile speranza di rivedere una Buona Domenica spensierata all’insegna del buon umore poi andata a infrangersi sulle “pillole di saggezza” di Raffaele Morelli – Maurizio Costanzo non ha speso particolari parole di elogio – “Mi sono stati proposti e io li ho accettati volentieri. Ho visto quest’estate Sottile condurre un programma pomeridiano con padronanza” – e ha confermato di voler parlare a un pubblico over: “Penso che la domenica pomeriggio debba intrattenere. Non si può sperimentare su un pubblico domenicale che mediamente si aggira sui 65 anni di età. La Buona Domenica che facevo a Canale 5 era di intrattenimento, ma il pubblico era misto, un po’ più giovane. Forse mettere una grande orchestra è un po’ troppo frastornante”. Il reportage fatto da Cinzia Bancone in un centro anziani è stato illuminante: se nei confronti di Massimo Giletti si è constatato quanto il conduttore divida per via dei temi scomodi che tratta durante la sua Arena dall’altra Barbara d’Urso è riconosciuta come una signora della domenica apprezzata perché “ha un approccio tale per cui la vedono come una di famiglia che spiega un caso noto con le loro parole” (Paolo Limiti) mentre per quanto riguarda Salvo Sottile e Paola Perego gli anziani hanno sfoggiato uno sguardo vacuo da selva oscura. E’ stata Maria Volpe a rompere il silenzio calato nello studio di Tv Talk lasciando un sottotesto interessante: “Salvo Sottile venendo dalla nera si trascina dietro quel pubblico lì. Paola Perego mi sembra che interagisca bene, ma con lei devono interagire tutti bene, è una signora della domenica”. Che si abbia voluto ricordare la vicenda Pino Insegno? Chi non va d’accordo con lei finisce come i nemici della Regina di Cuori?

About Denis Bocca

Critico cinefilo (non tutti lo sono) molto radical e poco chic. Non crede in Dio, ma in Al Pacino. Le sue passioni formano un trittico indissolubile: cinema, letteratura, televisione. Caporedattore de LaNostraTv dal 2017 (già Vicecaporedattore nel 2016) e Supervisore, scrive anche per tre siti di cinema tra cui il suo (Scrivenny 2.0). Con LaNostraTv ha trovato lo spazio ideale per scrivere di televisione, finalmente.

One Comment

  1. Pingback: Così lontani così vicini dal 20 ottobre su Rai1. Al Bano tra Paola Perego e Romina | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *