X


Cotto e Mangiato del 27 gennaio 2015: i gustosissimi passatelli asciutti al pesto

Scritto da , il Gennaio 27, 2015 , in Programmi Tv Tag:,
foto Tessa Gelisio

Cotto e mangiato ci stupisce anche oggi con un piatto irresistibile. Tessa Gelisio ha sfoderato un’altra ricetta gustosa, pratica e d’impatto per far felici i propri commensali e mettere d’accordo tutti i palati: i passatelli al pesto. Anche oggi la rubrica gastronomica di Studio Aperto ha chiuso il tg all’insegna del gusto.

Prima di iniziare con la ricetta odierna, non perdetevi però le bontà che la cuoca e conduttrice, ha pensato per noi nei giorni scorsi. Iniziamo con la pietanza di ieri: la frittata di farina di ceci. Un secondo sfizioso e originale dal gusto unico, ideale per vegetariani, celiaci, vegani e per chi cerca l’energia ma vuole stare attento alla linea. La farina di ceci, infatti, è un ingrediente ottimo per tenere sotto controllo il colesterolo e i trigliceridi.

Se amate i dolci, invece, immergetevi nella preparazione della buonissima torta di mele cannella e zucchero, appetitosa e sana. Non lasciatevi scappare il tortino di seppie di giovedì scorso, da accompagnare ad una pasta al forno originale: bianca al pesto. Oppure stupite gli ospiti puntando sul  raffinato risotto di zucca e burrata. Ora però è il momento della ricetta del giorno, i passatelli asciutti al pesto, corredata da una gallery fotografica, che potete seguire in basso, con tutte le fasi della preparazione passo dopo passo. Impossibile sbagliare.

 

[imagebrowser id=14133]

 

Per preparare la pasta occorre unire in una ciotola: 2 uova biologiche, 100 grammi di pangrattato, 100 grammi di formaggio grattugiato, sale e pepe quanto basta e la noce moscata (Tessa Gelisio non ha inserito la scorza di limone, che compare nella ricetta originale, perchè non si abbina bene con il pesto). A questo punto amalgamare l’impasto e lasciare riposare 10 minuti in frigorifero.

Nel frattempo in una padella, a fuoco spento, allungare 170 grammi di pesto alla genovese con dell’acqua calda. Riprendere l’impasto dal frigo e passarlo in uno schiacciapatate a fori larghi tagliando i passatelli a circa 4 centimetri di lunghezza. A questo punto cuocere nel brodo vegetale che bolle. In alternativa si può bollire la pasta in modo tradizionale in acqua calda oppure si può usare il brodo di carne. La cottura è velocissima, non resta che scolare i passatelli e metterli su un piatto da portata adagiando sopra il pesto. Un primo semplice e prelibato, che richiede circa mezz’ora di preparazione e una spesa di 4-5 euro.