X


Paolo Limiti si racconta: “Senza tv vivo lo stesso, ma mi piacerebbe tornare a farla”

Scritto da , il Giugno 10, 2015 , in Personaggi Tv Tag:,

Paolo Limiti, conduttore che ha scritto pagine di storia della televisione italiana, si racconta a Blogo in occasione della sua apparizione sul piccolo schermo nel programma Musical! Award, andato in onda su Retequattro lo scorso 9 giugno in seconda serata. A condurre insieme a Limiti la serata dedicata alla premiazione degli spettacoli teatrali, la showgirl Justine Mattera, ex moglie di Limiti, con la quale spesso ha condiviso le scene televisive. Trionfatore della serata il fortunatissimo musical “Priscilla – La regina del deserto”.

Conduttore, produttore e paroliere, Paolo Limiti inizia la sua attività nel mondo dello spettacolo nei primi anni sessanta, diventando anche autore di programmi di enorme successo, primo fra tutti l’amatissimo Rischiatutto, condotto da Mike Bongiorno. Dagli anni settanta parte la sua attività di paroliere, che svolge ancora oggi. Fra i brani più celebri in cui compare la sua firma si annoverano pezzi che hanno fatto la storia della canzone italiana come La voce del silenzio, Bugiardo e incosciente, Buonasera dottore.

Il suo ultimo impegno continuativo all’interno del piccolo schermo risale a tre anni fa, quando cura una rubrica all’interno del programma Cristina Parodi Live, trasmissione di attualità condotta nel 2012 da Cristina Parodi reduce dal successo de La vita in diretta, condotto assieme a Marco Liorni – e andata in onda nella fascia pomeridiana di La7. Il programma, che inizialmente trattava dei fatti di politica e attualità più salienti del giorno, passò poi a trattare anche argomenti più leggeri come gossip e moda, ma chiuse dopo soli quattro mesi per bassi ascolti.

Ecco cosa ha dichiarato Paolo Limiti nella recente intervista: “Non mi manca la televisione, non ho la malattia della spia rossa. Faccio tante altre cose, come scrivere canzoni, commedie, o dedicarmi a un bellissimo concorso che si chiama Le giovani voci della lirica. Mi piacerebbe tornare a fare televisione, ma probabilmente mi mancano le conoscenze e sinceramente ritengo che il mio aggancio sia solo ed esclusivamente il mio curriculum. Io ho sempre fatto programmi di successo, nonostante la mancanza di mezzi o l’assenza di tutta la tecnologia moderna che c’è ora. Al giorno d’oggi la maggior parte delle produzioni sono fallimentari: un motivo ci sarà. Ma comunque il fatto di voler lasciare sempre più spazio ai giovani è sacrosanto. Anche se la migliore in Italia attualmente è solo una: Maria De Filippi”.