X


Ballando, Giuliana De Sio sbotta: “Ho il corpo pieno di chiazze nere”

Scritto da , il Aprile 5, 2017 , in Personaggi Tv Tag:, ,
foto giuliana de sio

Giuliana De Sio elenca tutti i mali causati da Ballando con le stelle. IL VIDEO

Milly Carlucci, come suo solito, ha caricato sul Twitter ufficiale del programma Ballando un video in cui i diversi concorrenti hanno commentato il loro percorso all’interno del programma. Questa volta è toccato a Giuliana De Sio, ormai al centro dell’attenzione mediatica, dopo aver sbottato in diretta sabato sera, e aver affermato di voler abbandonare il programma. Giusto ieri l’altro, l’attrice ha poi fatto un passo indietro, affermando le ragioni per cui era arrivata a dire quelle cose, ma oggi, in un altro video, ha fatto il resoconto di ciò che è stato per lei Ballando con le stelle. Le parole non sono state certo delle più carine. Giuliana De Sio ha infatti esordito dicendo che a causa della trasmissione ha perso ben quattro chili che non doveva affatto perdere, e quindi non vede l’ora di finire questa esperienza per recuperare tutto ciò che ha perso. L’attrice ha poi continuato, descrivendo tutti i mali che ha subito ‘a causa di Ballando’: ecco quali.

Ballando, Giuliana De Sio si sfoga in un video: “Non vedo l’ora di finire”

Giuliana De Sio si è oggi sfogata di nuovo, dopo che qualche giorno fa aveva spiegato le ragioni per cui aveva deciso di abbandonare il programma. Archiviato questo episodio, l’attrice è però ritornata a far parlare di se, elencando tutti i mali che avrebbe subìto a causa di Ballando con le stelle. Giuliana, nel video caricato da Milly Carlucci, oltre ai chili persi, si è infatti lamentata anche di avere il corpo ricoperto di chiazze nere, alcune piene di sostanza liquida, ed inoltre le si è ammosciato il viso. L’unica cosa positiva di questo viaggio con Ballando è il fatto che ha appreso qualcosa, con sofferenza, ma ha appreso: è stata quindi tutto sommato un’avventura insolita, anche se può essere paragonata, a detta della Sio, ad una guerra bella tosta.