X


Lucio Presta presenta il libro Nato con la camicia: “Racconta Lucio, non Presta”

Scritto da , il marzo 10, 2019 , in Personaggi Tv
foto Lucio Presta a Cosenza

Lucio Presta presenta ‘Nato con la camicia’: “Volevo che i miei figli conoscessero un uomo diverso da quello di tutti i giorni”

Ha presentato ieri, sabato 9 marzo, il suo nuovo libro dal titolo “Nato con la camicia” Lucio Presta, in una sala gremita di persone, presso la Galleria Nazionale di Palazzo Arnone a Cosenza, dove eravamo presenti anche noi de LaNostraTv. Un’opera interamente autobiografica che, come svelato dallo stesso autore, “racconta Lucio e non Presta”.

Volevo che i miei figli conoscessero un uomo diverso da quello che incontrano tutti i giorni a casa. Credo di essere sempre stato un padre, diciamo “normale”

ha infatti dichiarato Lucio Presta, che nel libro ha raccontato gioie e dolori di una vita nel corso della quale ha fatto tanti sacrifici per arrivare dove è adesso. Dalla morte improvvisa della donna che lo ha messo al mondo, al bellissimo rapporto con la zia, che lo ha cresciuto come se fosse un figlio e non un nipote.

Quando se ne è andata ho sofferto molto. Pensavo che, avendo già perso la prima mamma, la seconda mi spettasse di diritto! E che dovesse esserci per sempre…

ha confessato un commosso Lucio Presta, tra gli applausi di incoraggiamento della sala.

Nato con la camicia: Lucio Presta presenta alla Galleria Nazionale di Cosenza il suo libro autobiografico

Co-autrice di Nato con la camicia è Annamaria Matera, parente di Lucio Presta.

Lei mi ha saputo bloccare quando stavo per dire troppo… o troppo poco

ha dichiarato su di lei Lucio Presta. Toccanti le testimonianze della Matera, che ha parlato dei tanti momenti difficili della vita del famoso manager televisivo, come la perdita della sua ex moglie, madre dei suoi due figli, morta prematuramente a causa di un male incurabile. Ad Emanuela (era questo il suo nome) Presta è rimasto accanto fino all’ultimo, nonostante fosse ormai legato sentimentalmente alla sua attuale moglie, la nota conduttrice Paola Perego. Nel libro Lucio Presta parla molto anche del difficile rapporto con il padre Michelino, che non ha mai accettato la sua scelta di intraprendere una carriera nel mondo dello spettacolo. “Tornerai da me con la mano tesa…” gli ha infatti detto da giovane ma, molti anni dopo, divenuto ormai un ballerino famoso, Lucio ha rivisto il padre nella platea di un teatro: l’uomo, sfidando il proprio orgoglio, era infatti andato a vedere il figlio che non sentiva da anni, ma che non aveva mai smesso di amare.

Lucio Presta si racconta nel suo libro Nato con la camicia: gioie, dolori e amori del manager dei vip

Alla presentazione di Nato con la camicia ha partecipato anche Eleonora Daniele, conduttrice di Storie Italiane su Rai1. “C’è una grande persona dietro il manager” ha affermato la Daniele, raccontando ai presenti di come il suo agente le è stato vicino quando è venuto a mancare il fratello autistico, nonostante la conoscesse da pochissimo. Immancabile, infine, un riferimento a Paola Perego. Sulla conduttrice Presta ha confessato:

Ha pagato, televisivamente parlando, un prezzo altissimo per essere mia moglie. I miei nemici hanno sempre attaccato lei per non attaccare me. Io, per essere sempre giusto verso tutti gli artisti, come un padre verso i propri figli, non ho mai saputo difenderla quanto dovevo. E’ questo il mio unico rimpianto.

Alla fine della presentazione, la sala della Galleria Nazionale di Palazzo Arnone a Cosenza, gremita di spettatori, ha salutato con lunghi e calorosi applausi Lucio Presta, che si è raccontato a cuore aperto tra flash e telecamere, tirando fuori lati del suo carattere che forse nessuno conosceva e che, senza dubbio, sarà emozionante scoprire ancora di più leggendo Nato con la camicia.

About Emanuele Fiocca

Attratto dalla televisione fin da bambino, ha maturato negli anni esperienze in diversi programmi della Rai come Unomattina in Famiglia, Mezzogiorno in Famiglia, Alle Falde del Kilimangiaro, L'Arena e Domenica In. Caporedattore de LaNostraTv dal 2014 al 2017, scrive per il blog dal 2012.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *