X


Lino Guanciale, L’allieva e Porta rossa: “La stagione 3 sarà l’ultima”

Scritto da , il 25 Settembre, 2019 , in Serie & Film Tv
Foto Lino Guanciale L'allieva

La porta rossa 3 e L’allieva 3: l’annuncio di Lino Guanciale

Brutte notizie per i fan de L’allieva e La porta rossa: il protagonista maschile delle due fiction, Lino Guanciale, intervistato da TvSerial.it a Fest 2019, il festival delle serie tv, ha annunciato che la terza stagione sarà l’ultima. E’ ormai risaputo che Lino Guanciale, dopo aver girato due stagioni di una fiction, valuta se fare o meno la terza, dipende dal gradimento del pubblico e da cosa può ancora dire il personaggio che interpreta. Condizioni che si sono verificate con L’allieva e La porta rossa ma, dichiara Lino Guanciale:

“Chiuderanno il proprio corso con la terza stagione, tre è il numero perfetto”.

Alessandra Mastronardi, protagonista femminile de L’allieva, e Gabriella Pession, che recita ne La porta rossa, saranno d’accordo con il loro collega Lino Guanciale? I telespettatori dovranno dire addio per sempre al dottor Conforti con L’allieva 3 e al Commissario Cagliostro con La porta rossa 3.

Lino Guanciale parla dei suoi personaggi: “Quello in cui mi rivedo di più è Cagliostro”

Lino Guanciale è il golden boy della fiction italiana ma qual è il personaggio in cui si rivede di più? Risponde l’attore:

“Cagliostro de La porta rossa ma non significa necessariamente che è quello a cui voglio più bene, forse è il più complicato da interpretare”.

Quando deve vestire i panni di un nuovo personaggio, Lino Guanciale si affeziona a ciò che lo mette in crisi più che agli aspetti positivi dello stesso. Ama gli antieroi. Presto Lino Guanciale (che secondo voci di corridoio potrebbe approdare nel sabato sera di Rai1) tornerà sul piccolo schermo con Il Commissario Ricciardi.

Il Commissario Ricciardi: di cosa parla la nuova fiction di Lino Guanciale

In attesa di tornare sul set de L’allieva 3 e La porta rossa 3, Lino Guanciale sta per ultimare le riprese de Il Commissario Ricciardi. La serie è ambientata nel 1932 e segue le indagini di Ricciardi, capo della Mobile di Napoli, dotato di poteri paranormali. Il personaggio interpretato da Lino Guanciale è in grado di vedere i fantasmi delle persone morte in maniera violenta.