X


Alberto Matano e Lorella Cuccarini in diretta: “Siamo preoccupati”

Scritto da , il 26 Novembre, 2019 , in Personaggi Tv
foto Matano e Cuccarini, 26 novembre

La vita in diretta, Lorella Cuccarini e Alberto Matano: “C’è dolore e preoccupazione”

Apertura decisamente sottotono quella della puntata de La vita in diretta di oggi, martedì 26 novembre 2019: i padroni di casa Alberto Matano e Lorella Cuccarini, entrando in studio tra gli applausi degli spettatori e la sigla ancora in sottofondo, hanno avuto da subito un’espressione molto seria. Lorella Cuccarini ha quindi spiegato:

Oggi, prima di tutto, vogliamo esprimere tutta la nostra preoccupazione e il nostro dolore per quanto è successo la scorsa notte in Albania…

“Avremo, comunque, una puntata molto ricca di argomenti, come sempre” ha poi specificato.

La vita in diretta, Alberto Matano e Lorella Cuccarini preoccupati: “Un abbraccio all’Albania”

A prendere la parola è stato poi Alberto Matano (che ieri si è mostrato sui social in una veste del tutto inedita) che, dopo quanto affermato dalla collega Lorella Cuccarini, sempre in apertura della puntata di oggi de La vita in diretta ha asserito:

Vogliamo mandare un grande abbraccio alla popolazione dell’Albania, che in queste ore sta facendo i conti con gli effetti di un terremoto davvero devastante. Dopo la terribile della scorsa notte, poco fa c’è stata una nuova scossa di assestamento.

“Un hotel è stato distrutto e si parla di almeno sedici vittime e oltre seicento feriti. E’ corsa contro il tempo per salvare le persone rimaste intrappolate sotto le macerie” ha poi aggiunto.

Lorella Cuccarini e Alberto Matano a La vita in diretta: “L’Italia sta aiutando l’Albania”

Alberto Matano ai microfoni de La vita in diretta ha poi precisato che l’Italia sta già mandando degli aiuti in Albania. “Tra poco i nostri inviati saranno lì. Più tardi tenteremo di collegarci con loro”. Successivamente la parola è passata a Lorella Cuccarini per un altro blocco, anche se la puntata è stata in gran parte dedicata, ovviamente, ancora al terremoto.