X


Caterina Balivo, sfogo inaspettato: “Alla fine siamo riusciti a…”

Scritto da , il 22 Aprile, 2020 , in Personaggi Tv
foto di Caterina Balivo in quarantena

Caterina Balivo si sfoga sui social: “Alla fine siamo riusciti a fare ritardo all’appello di classe”

Quarantena non vuol dire per forza tranquillità e tempo libero. Anzi, alcune mamme sembrano ancora più impegnate del solito. Questo perché, adesso che le scuole sono chiuse, i bambini trascorrono tutto il giorno a casa e, quando sono piccoli, si deve sempre correre per gestire, per canalizzare loro energie. Caterina Balivo alle 9.30 del mattino ha già sudato sette camicie e condivide, attraverso il proprio profilo Instagram, la sue fatiche. Sveglia alle 6.30, così, “per allegria”, scherza. Poi si riaddormenta per mezz’ora, ma la figlioletta Cora la chiama per indossare il costumino di Minnie. Alle 8 corre a svegliare l’altro figlio, Guido Alberto, che però non vuole saperne di alzarsi. La conduttrice si sfoga coi suoi followers, ma col sorriso di una madre felice: “Alla fine siamo riusciti a fare ritardo all’appello di classe, da casa”.

Caterina Balivo, le sue lunghe giornate in quarantena: “Questo forse resterà l’unico momento di pausa…”

Caterina Balivo è sempre di corsa. Non solo quando si occupa della conduzione di Vieni da me. Anche adesso, in quarantena, il ruolo di mamma la occupa a tempo pieno, e poi continua ad andare in diretta su Instagram quasi tutti i pomeriggi col format My next book. Attraverso lo stesso social Caterina, alle ore 9.30 del mattino, dopo aver preparato i figli per la lezione online, fa sapere ai fan: “Forse resterà l’unico momento di pausa della giornata, mentre vi scrivo e guardo questa foto autoscattata il giono di Pasqua”.

My next book, Caterina Balivo e il suo format social di successo

My next book, il format social ideato da Caterina Balivo insieme al marito scrittore Guido Maria Brera, continua a riscuotere un buon successo in termini di seguito su Instagram. Ieri ospite della conduttrice un collega importante: Alfonso Signorini, che ci ha tenuto a chiarire: “Io non sono quello