X


Io e Te, il dramma di Nancy Brilli: “Quando è morta mia madre…”

Scritto da , il 4 Giugno, 2020 , in Interviste
foto di Nancy Brilli a Io e Te

Nancy Brilli racconta il suo dramma a Io e Te: “Quando è morta mia madre la famiglia è esplosa”

Si è conclusa appena qualche minuto fa la bellissima e approfondita intervista di Nancy Brilli condotta da Pierluigi Diaco a Io e Te. L’attrice è stata accolta in studio con il calore e l’affetto che si riservano alle dive dello spettacolo, mettendo giustamente in rilievo la sua naturale bellezza e il suo fascino. Anche quando la conversazione tra i due si è spostata su temi che richiedono una gestione delicata, come quello della morte morte precoce della madre, Nancy Brilli ha confessato il suo dramma con assoluta tranquillità:

Quando è morta mia madre è esplosa tutta la famiglia: le persone non si parlavano, litigavano attraverso noi ragazzini.

Questo vuoto, che lei ha definito una voragine, ha trovato un’eco nel conduttore Pierluigi Diaco, anche lui rimasto orfano di padre a soli cinque anni.

Io e Te, Nancy Brilli confessa a Pierluigi Diaco: “Nonna non mi amava”

Un’infanzia e una prima adolescenza molto difficili quelle raccontate pochi minuti fa da Nancy Brilli a Pierluigi Diaco negli studi Rai da cui va in onda Io e Te. L’attrice non soltanto è tornata sul momento delicato della scomparsa prematura della madre, ma ha anche confessato il rapporto difficile con la nonna alla quale era stata affidata:

Sono cresciuta con questa nonna che non mi amava particolarmente, anzi, dovevo essere un peso per lei: coglieva ogni occasione per dirmi che ero sbagliata.

Nancy Brilli sulla fine della storia con Roy de Vita: “Non pensavo che sarebbe finita così male”

In una recentissima intervista, Pierluigi Diaco ha svelato un segreto su Katia Ricciarelli, la quale, nella puntata di oggi di Io e Te, ha ascoltato con molto trasposto il racconto di Nancy Brilli. L’attrice, dopo aver parlato della sua infanzia, è andata alla fine della storia d’amore con il chirurgo Roy de Vita:

Non pensavo che sarebbe andata a finire così male, perché era il mio progetto famiglia e ci avevo messa tutta me stessa.