Arisa rompe il silenzio da Cristina Parodi e difende Emma: “Siamo cantanti non attrici”

By on febbraio 17, 2015
foto Arisa

Dopo la telefonata di ieri di Emma Marrone, oggi, a La vita in diretta è intervenuta un’altra protagonista del 65° Festival di Sanremo: Arisa. La kermesse canora, che si è chiusa sabato scorso con la vittoria de Il Volo, continua a lasciare il segno. Anche oggi il programma di Rai 1, condotto da Cristina Parodi e Marco Liorni, ha proseguito con i commenti sulla gara musicale per eccellenza.

Dopo l’intervista a Fabio Troiano che ha raccontato il suo nuovo film e l’incontro con Belen Rodriguez, che lo ha affiancato nella commedia, è stata la volta della telefonata ad Arisa. La prima cosa che i conduttori hanno chiesto alla cantante è stata se le voci di un suo addio alla musica fossero vere. “Assolutamente no – ha esordito la 32ennenon voglio cambiare mestiere, non ricordo di aver mai detto questo”.

Riguardo alle critiche su Sanremo l’artista, difendendo anche il lavoro della collega Emma Marrone, ha voluto precisare che: Rocio Munoz Morales è un’attrice, io ed Emma, invece, siamo delle cantanti, quello della presentatrice non era il nostro ruolo. Abbiamo dato il massimo, non c’è stata nessuna finzione, abbiamo messo tutte le nostre energie nel Festival e non volevamo deludere Carlo Conti che è stato grande e ci ha voluto sin dall’inizio”.

“Con le tue colleghe di Sanremo andavi d’accordo o ci sono state delle tensioni?”, ha proseguito Cristina Parodi. “Non siamo mai andate d’accordo per forza e non ci siamo mai odiate per forza – ha ammesso con una spontaneità disarmante Arisaabbiamo vissuto nella verità”. La giovane cantante ha dichiarato anche di aver fatto il primo passo con Carlo Conti: “L’ho chiamato per chiedergli se voleva avermi vicino nell’esperienza di Sanremo e lui mi ha dato una possibilità”.

Parole positive anche per i big in gara. “Mi sono piaciuti tutti – ha ammesso l’artistasono stati bravissimi”. Simpatica e vera, la cantante è stata applaudita dagli ospiti dello studio de La vita in diretta, che l’hanno ribattezzata come la nuova Sandra Mondaini proprio per quella freschezza e quell’ironia innata con cui ha conquistato anche l’Ariston.

About Simona Tranquilli

Nata a Latina il 16 Maggio 1983, dopo il Liceo Scientifico ha capito che la sua strada è la scrittura. Ha conseguito la Laurea Specialistica in “Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo” presso la facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università La Sapienza di Roma. Durante il periodo universitario ha lavorato prima presso un quotidiano e poi per un settimanale della provincia di Latina, trattando temi di attualità e spettacolo. Moglie e mamma tuttofare, ama viaggiare e praticare sport ma, soprattutto, è un'appassionata di televisione. Predilige i programmi di intrattenimento leggero e le serie televisive. Supervisore de LaNostraTv, scrive per il sito dal 2014.

One Comment

  1. Rossella

    febbraio 17, 2015 at 21:14

    Non mi sembra un pensiero condivisibile. La Clinton e la Merkel vi sembrano attrici? Boh… forse sarebbe meglio evitare di addentrarsi in questi gineprai perché, inevitabilmente, si rischiamo incidenti diplomatici. Cosa mancava? Mancava un progetto forte (classica uscita d’emergenza), Rocio ha cercato una motivazione dentro di sé ma la sua performance sembrava un satellite del festival. Non pensiamoci più. Basta. Il festival è finito, gli amici se ne vanno e direi che per quest’anno può bastare!
    Si trattava di una squadra e non è molto elegante fare i paragoni… non c’era armonia. I paragoni ci portano a dubitare della sicurezza di tutte le persone che, per una ragione o per l’altra, dimostrano di riuscire a tenere la scena.
    Rocio non è stata perfetta, diciamo pure che è stata perfettina (senza offesa, ovviamente!)… non c’è stato niente di bello nel festival di Conti… lo ricorderemo come il festival dei sondaggi! Ah,ah, ah… scherzo! Diciamo. Oh… i numeri gli hanno dato ragione!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *