Raffaella Carrà risponde alle critiche: “La mia verità su Forte Forte Forte”

By on marzo 24, 2015
foto Raffaella Carrà

Lo scorso 13 marzo si è conclusa la prima edizione del talent show di Rai 1 Forte Forte Forte con la vittoria di Stefano Simmaco. Il programma condotto da Ivan Olita e ideato da Sergio Japino e Raffaella Carrà è stato subissato dalle critiche non solo per gli ascolti deludenti ma anche per il cast dei concorrenti, a detta di molti, non proprio talentuosi. Inutile dire che il bersaglio principale di tali critiche è stata proprio la Carrà che presiedeva anche la giuria.

Durante la finale la regina della televisione italiana si è voluta togliere qualche sassolino dalla scarpa con uno sfogo al vetriolo contro i suoi nemici. Intervistata dal settimanale Tv Sorrisi e Canzoni, la Carrà ha rincarato la dose con la solita eleganza che la contraddistingue. Ha tracciato il bilancio di Forte Forte Forte che per lei è stata un’esperienza emozionante. Sul vincitore Stefano Simmaco dice: “E’ un vero artista, completo, con l’umiltà dei grandi. Gli auguro tanta fortuna e spero che la Rai gli dia la possibilità di emergere”.

Tanti critici hanno sostenuto che il programma fosse troppo “Raffaella-centrico” e che la giuria subisse il suo carisma: “In questo progetto modernissimo io ho solo cercato di mettere la mia esperienza a disposizione di giovani talenti perché avessero la possibilità di diventare delle star della tv. Chi pensa che la mia presenza abbia influenzato gli altri giurati non li conosce bene”. Raffaella Carrà ammette che le offese gratuite e gli insulti fanno male ma non ci bada più di tanto ormai.

“Ho già risposto con una frase di Oscar Wilde secondo cui bisogna sempre perdonare i propri nemici, niente li infastidisce di più”. La Rai ha tagliato due puntate del talent e la conduttrice fa autocritica, è consapevole che in un nuovo progetto ci sono sempre degli aggiustamenti da fare ma pensa di aver fatto, comunque, un buon programma. Sulla sua affermazione secondo cui potrebbe andare in pensione anche domani, ribadisce: “Non ho mai sofferto di mal di video. Sono tornata su Rai 1 dopo sei anni perché penso che sia giusto che ci sia un ricambio generazionale e volevo cercare nuovi talenti”.

Il suo sogno è vedere il successo dei ragazzi di Forte Forte Forte, di Stefano Simmaco in primis, solo allora considererà compiuta la sua missione. Insomma, sebbene il suo atteso ritorno in tv non sia stato baciato dalla fortuna, ci vuole ben altro per abbattere la mitica Raffaella Carrà. I suoi nemici si mettano l’anima in pace!

About Isabella Adduci

Nata a Cassano allo Ionio (Cosenza) nel 1978, si è laureata in Giurisprudenza all'Università degli Studi di Bari ed ha conseguito l'abilitazione all'esercizio della professione forense presso la Corte d'Appello di Catanzaro. Da sempre appassionata di televisione, cinema e spettacolo, ama scrivere e leggere libri di ogni genere, quotidiani, magazines. Il suo sogno è quello di diventare un apprezzato critico televisivo... sognare non costa nulla!

One Comment

  1. Rossella

    marzo 24, 2015 at 14:26

    Penso che il programma abbia faticato a decollare perché mancava il testimonial… aver “avuto contro” tanta parte del mondo della carta stampata è stato un bene! Il programma non mi ha fatto impazzire ma sono certa che se qualcuno ci avesse messo una buona parola avrebbe guadagnato più di qualche punto di share. La gente, il pubblico, tende a vivere l’opera come un prodotto dell’artista e l’artista a quel punto avendone la possibilità può far scendere in capo un amico per fare muro al sistema. Non ci sarebbe stato niente di male nel farsi fare un po’ di buona pubblicità da Maradona piuttosto che da un personaggio che vuole bene a Raffaella. Che dire? Ci vuole la magia per ricreare quel calore che torna a vantaggio del personaggio. La Carrà viene prima dei suoi programmi!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *