Denise Pipitone: Piera Maggio chiede verità e giustizia

By on ottobre 18, 2015
foto Denise Pipitone infanzia

Caso Denise Pipitone: un mistero senza fine

Sembrano essersi ormai calmate le acque sul caso Denise Pipitone, in seguito al caos creato dalla ragazzina di 11 anni nata a Belgrado ma residente a Tito, in provincia di Potenza, che nel pomeriggio del 12 agosto scorso ha inviato un messaggio a Piera Maggio su facebook nel gruppo “Missing Denise Pipitone” affermando di essere proprio la bambina scomparsa da Mazara del Vallo a mezzogiorno del 1° settembre 2004. Un brutto scherzo, niente di più: quello di Giulia Novic (nome e cognome di fantasia assegnati alla ragazza dai giornalisti di “Chi l’ha visto?”) è stato solo un gesto dettato dalla noia in un caldo pomeriggio estivo. Undici anni di silenzio, reticenza, errori e depistaggi, che hanno visto fallire due Procure e alternarsi ben 12 Magistrati, ma soprattutto undici anni in cui la ricerca della verità non si è mai arrestata, con quella che a tutti gli effetti è diventata una “mamma coraggio”, Piera Maggio. Una speranza, quella di ritrovare Denise Pipitone, che ancora una volta si è accesa e spenta in pochi giorni: il test del DNA ha infatti dimostrato che la ragazzina lucana non è la bambina portata via a Piera Maggio tanti anni fa. Ma allora dov’è Denise? Cosa le è successo il giorno in cui è stata rapita?

Denise Pipitone: lettera choc arrivata a “Chi l’ha visto?” 18 mesi fa

La scienza non sbaglia: la genetica ha provato che Denise non è la ragazzina di Tito. Si è dunque rivelata vana anche questa speranza di ritrovare la figlia di Piera Maggio, una speranza che si era accesa all’improvviso dopo un anno e mezzo dalla clamorosa svolta che ha fatto presagire il peggio, ossia una lettera anonima inviata alla redazione di “Chi l’ha visto?” con la quale una persona mai identificata, ha indicato un luogo esatto, nei pressi di una spiaggia, in cui scavare per cercare i resti della bambina. “Spettabile Federica, le scrivo per aiutarla a trovare Denise Pipitone. Dica ai carabinieri di Mazara del Vallo di andare a cercare una strada in contrada Ferla. E’ in aperta campagna, c’è un capannone con degli attrezzi da contadino. E’ lì che è sepolta la povera Denise. Cercatela anche con l’aiuto dei cani. Cercatela, cercatela, cercatela. Vi prego!”. E’ questo il testo (scritto a mano) della lettera choc arrivata a “Chi l’ha visto?” a fine aprile 2014, segnalazione in seguito alla quale sono stati effettuati alcuni scavi nell’area indicata, ma senza alcun esito, perchè Denise non è stata trovata. Si è trattato quindi di una bufala e Denise oggi è viva ed è un’adolescente o la si è cercata nel punto sbagliato? Come ha dichiarato spesso Piera Maggio, nulla fa pensare che Denise sia morta, perciò la si cerca viva… e la speranza è l’ultima a morire! #iostoconpieramaggio

About Emanuele Fiocca

Nato a Soveria Mannelli (Catanzaro) il 7 Luglio 1987, è un calabrese doc. Attratto dalla televisione fin da bambino, ha maturato negli anni esperienze in diversi programmi della RAI come Uno Mattina in Famiglia, Mezzogiorno in Famiglia, Alle Falde del Kilimangiaro, L'Arena e Domenica In, affiancando la passione per il piccolo schermo a quella per la scienza, che ha sempre caratterizzato il suo percorso di studi. Caporedattore de LaNostraTv dal 2014 al 2017, è il Responsabile Editoriale del sito.

2 Comments

  1. Pingback: Storie Vere: Raffaele Sollecito racconta la sua verità | LaNostraTv

  2. Pingback: Chi l’ha visto? Anticipazioni. Denise Pipitone: la marcia per il compleanno | LaNostraTv

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *