X


Storie Italiane, Alda D’Eusanio sull’incidente: “Uccisa da uno scooter”

Scritto da , il 14 Ottobre, 2020 , in Personaggi Tv
foto Alda D'Eusanio 14 ottobre

Alda D’Eusanio parla del suo incidente a Storie Italiane: “Quello scooter mi ha uccisa”

Ha scelto i microfoni di Storie Italiane Alda D’Eusanio oggi, nel giorno del suo settantesimo compleanno, per raccontarsi a cuore aperto parlando, purtroppo, anche del terribile incidente avuto a Roma otto anni fa, quando uno scooter l’ha travolta su corso Vittorio Emanuele.

Ero uscita tranquillamente di casa e uno scooter mi ha uccisa…

ha dichiarato, sottolineando: “La vita è veramente strana. Esci di casa e non sai se ci rientri […] quello scooter mi ha uccisa, ma poi sono rinata, è stato un miracolo”.

Storie Italiane, Alda D’Eusanio sull’incidente: “Non ho voluto conoscere il ragazzo che mi ha travolta”

Continuando a parlare del suo incidente, Alda D’Eusanio a Storie Italiane ha poi rivelato che il fratello le ha sempre detto che il ragazzo che l’ha travolta con lo scooter aveva manifestato il desiderio di incontrarla.

Non ho mai voluto vedere quel ragazzo, non perchè io non voglia perdonarlo, ma perchè nessuno può cambiare in peggio la vita di un altro solo a causa della fretta…

ha dichiarato successivamente Alda D’Eusanio a Storie Italiane. “Chi uccide i pedoni che attraversano la strada, fa questo” ha sottolineato subito dopo.

Alda D’Eusanio ospite di Eleonora Daniele a Storie Italiane: “La vita è preziosa e delicata”

“La vita è veramente una cosa preziosa e delicata. Ognuno di noi è come se avesse la sensazione di vivere in eterno” ha dichiarato inoltre Alda D’Eusanio oggi durante la sua ospitata a Storie Italiane (la cui diretta è iniziata con le scuse di Eleonora Daniele a Fedez).

All’improvviso, però, puoi ritrovarti morta… poi ti risvegli e ti accorgi che tutto è cambiato, il tempo è cambiato, gli amici sono cambiati: la vita è cambiata

“Quando si ha una disgrazia si capisce chi sono i veri amici” ha poi concluso, ricordando: “Ho perso la memoria cognitiva dopo l’incidente”.