X


Cotto e Mangiato, 23 marzo 2015: ricetta della frittata con trota, brie e pisellini

Scritto da , il Marzo 23, 2015 , in Programmi Tv Tag:,
foto Tessa Gelisio

La cucina di Cotto e Mangiato si è chiusa per il weekend con il meraviglioso scorfano con curry e latte di cocco presentato nella puntata di venerdì (clicca qui per conoscere la ricetta e vedere le foto della preparazione del piatto), un secondo sfizioso seguito al primo altrettanto delizioso proposto nella puntata precedente: il raffinato risotto con pere, menta e brie (scopri cliccando qui come prepararlo e visualizza la fotogallery).

E a proposito di brie, anche oggi Tessa Gelisio ha deciso di portare a tavola una ricetta preparata con questo buonissimo formaggio, utilizzandolo per una gustosissima frittata a base di trota e pisellini. Non a caso sulla sua pagina facebook ufficiale si legge: “Qualcuno di voi avrebbe mai potuto immaginare che mettere la trota con i pisellini e il brie avrebbe creato una meraviglia? La frittata più strana che avete mai preparato qual è? Scambiamoci qualche idea oggi a Cotto e Mangiato su Italia 1“.

Preparare questa irresistibile frittata è semplicissimo, richiede poco tempo (15 minuti circa) e una spesa di pochi spiccioli (7-8 euro). Ecco come realizzarla: preparare un classico soffritto con mezza cipolla bianca media tritata finemente e olio extravergine d’oliva e aggiungere 100 grammi di pisellini surgelati (sfoglia la gallery fotografica sottostante).

[imagebrowser id=14365]

Salare, unire un goccio d’acqua, abbassare il fuoco e scaldare per qualche minuto completando la cottura. Nel frattempo tagliare a dadini piccolissimi 60 grammi di trota salmonata affumicata (in alternativa è possibile utilizzare del salmone). Rompere 4 uova in una bacinella, salarle e sbatterle. Aggiungervi poi la trota, 100 grammi di brie tagliato a cubetti molto piccoli, i pisellini, amalgamare e versare nella padella usata per la cottura dei piselli.

Cuocere bene la frittata
da entrambe le parti, girandola con molta delicatezza (facendo ovviamente attenzione a non romperla). Finita la cottura, impiattarla, tagliarla a spicchi e servirla: cotta… e mangiata! Buon appetito.